Niente più 8 per 1000 a chi distrugge la Chiesa Cattolica

Ieri “Avvenire”, il giornale dei vescovi, mi ha attaccato per il mio ultimo articolo su “Libero”. Siccome è l’ennesima volta – e bordate simili ricevo pure da ecclesiastici e annessi – mi sento autorizzato, almeno “per fatto personale”, a negare nel 2017 il mio “8 per mille”.

A nessuno infatti si può chiedere di finanziare chi lo bersaglia da anni. Oltretutto in un modo sleale.

Infatti “Avvenire” mi accusa di aver definito certe espressioni di papa Bergoglio assai simili alla bestemmia e poi afferma che io – per tale grave critica – non porterei “nessun argomento valido a sostegno”.

Come se io lanciassi al papa irresponsabili accuse senza motivo. Il fatto è che “Avvenire” si è ben guardato dal riferire le frasi testuali di Bergoglio da cui partiva quella mia critica: egli ha detto che Gesù “si è fatto peccato, si è fatto diavolo, serpente, per noi”.

Parole inaudite che “Avvenire” ha omesso per poi accusarmi di attaccare il papa senza “nessun argomento valido”. Ma che quelle di Bergoglio siano espressioni blasfeme o scandalose lo dimostra il fatto stesso che “Avvenire” le ha censurate, non ha neanche tentato di giustificarle.

Infatti non sono una gaffe, sia pure inammissibile in un papa (non si era mai visto un papa bestemmiatore, oltretutto in una messa).

Quella frase esprime una precisa convinzione di Bergoglio spiegata da tutta la sua omelia dove egli applica a un passo biblico di Mosè, riferito al Messia, non l’esegesi cristiana, ma – forse senza nemmeno saperlo – una esegesi gnostica.

Quella gnosi che arriva a fondere in “uno” Cristo e Lucifero nel segno del “serpente”, la gnosi che nella cultura anticristiana degli ultimi due secoli è dilagante com’è stato ben illustrato dal filosofo Massimo Borghesi, in un articolo del 2003 su “30 Giorni”, intitolato: “Il patto con il Serpente”.

Pure altre enormità di Bergoglio vanno nella stessa direzione.

DEVASTAZIONE

Per esempio il 17 marzo, secondo i resoconti giornalistici, ha dichiarato: “Nella Santa Trinità le Persone baruffano a porte chiuse, ma all’esterno danno l’immagine di unità”. Battuta che il sito Reinformation.tv definisce “una gravissima bestemmia che contraddice molti dogmi” e che può avere un analogo sfondo gnostico.

E’ impossibile tacere sentendo un papa parlare così. Ma non è solo ignoranza (che già sarebbe inammissibile). Il problema è più grave: si teme che il vertice della Chiesa sia oggi occupato da un “partito” determinato a demolire il cattolicesimo stesso come lo conosciamo da duemila anni.

Ogni giorno papa Bergoglio assesta colpi di piccone sulla cattedrale della fede. E ogni colpo fa parte di una strategia di desacralizzazione.

Non solo afferma che Gesù “si è fatto diavolo, serpente”, che la Santissima Trinità è una banda di personaggi rissosi che poi all’esterno si danno una facciata concorde, non solo dichiara che “non esiste un Dio cattolico”, che Gesù, nell’episodio dell’adultera, “fa un po’ lo scemo”, che “ha mancato verso la morale” e che Gesù non era uno “pulito”.

E’ un papa secondo cui alla Madonna sotto la croce probabilmente è venuta meno la fede e può aver detto a Dio: “Tu mi avevi detto che regnerà per sempre… bugie! Sono stata ingannata!” (anche qui siamo fuori dalla dottrina cattolica).

FLAGELLO

Un papa che ha spaccato la Chiesa su sacramenti come l’Eucaristia e il matrimonio, seminando confusione totale su cose in cui la Chiesa non può dividersi. Un papa che ha delegittimato la “missione” squalificando l’evangelizzazione col termine spregiativo di “proselitismo”.

Un papa che non s’inginocchia all’Eucaristia e che celebra i tiranni comunisti (come Fidel Castro e i despoti cinesi), snobbando invece le loro vittime al punto da far insorgere i dissidenti cubani e il vecchio e saggio cardinale Zen.

Un papa che si compiace di ricevere in dono dal compagno Morales una “chuspa” con le foglie di coca e la scultura di una falce e martello con sopra l’immagine di Cristo, un papa che spiega che “i comunisti la pensano come i cristiani”.

Un papa che se ne infischia dei cristiani perseguitati e parla solo ossessivamente dall’emigrazione. Un papa che all’annuncio di Cristo ha sostituito l’esaltazione della marea migratoria come un’invasione salutare per l’Europa, facendone un dogma di fede: invece di “aprire le porte a Cristo” esige che si aprano a tutti i migranti del mondo.

Un papa che ha abbandonato i “principi non negoziabili” della Chiesa, mentre la vita e la famiglia sono bombardate come mai prima, per sostituirli con l’eco-catastrofismo obamiano, un papa che si preoccupa per la sopravvivenza di zanzare e piccoli vermi, che ha trasformato la Basilica di San Pietro in schermo di un orrido show animalista e ha trasformato il discusso “riscaldamento globale” in un dogma.

Un papa che si rifiuta di condannare il “terrorismo islamico” come tale, un papa che non manca di rovesciare quotidianamente critiche e disprezzo sui cattolici, mentre esalta tutte le altre religioni arrivando ad affermare che l’Islam è una religione di pace tanto da far insorgere perfino padre Samir Khalil Samir, una vera autorità che fu consigliere di Benedetto XVI per l’Islam.

Un papa che snobba sprezzantemente il “Family day” dei cattolici e indica come grandi italiani Emma Bonino e Giorgio Napolitano.

Un papa che al vertice della Pontificia Accademia per la vita (fondata da Giovanni Paolo II) mette quel mons. Paglia che fa l’apologia di Marco Pannella (“uomo di grande spiritualità”) dicendo che “questo nostro mondo, ha bisogno più che mai di uomini che sappiano parlare come lui… io mi auguro che lo spirito di Marco ci aiuti a vivere in quella stessa direzione”.

Un papa che ha appena nominato come Generale dei gesuiti padre Sosa Abascal il quale in un’intervista spiega che non si sacosa ha detto veramente Gesù” perché “a quel tempo nessuno aveva un registratore per inciderne le parole” e quindi tanti saluti alla “Parola di Dio” e alla Sacra Scrittura come fonte della Rivelazione perché tutto va reinterpretato e “contestualizzato”.

Per padre Sosa l’oggetto della fede è Bergoglio stesso (“Io mi identifico con quello che dice papa Francesco”) che però – se si demoliscono le parole di Gesù nel Vangelo – non ha più alcuna autorità.

CATTOLICI EMARGINATI

Bergoglio penalizza ed emargina cardinali, vescovi e religiosi che sono saldi nella fede cattolica di sempre e invece esalta chi va a nozze col mondo e le sue ideologie.

Per tutte queste cose – e molto altro – io non ho più intenzione di contribuire alla demolizione della Chiesa con il mio 8 per mille. Preferisco spendere di tasca mia, direttamente, per sostenere missionari, opere di carità e religiosi veramente cattolici.

Oltreutto la “chiesa bergogliana” ha già un sacco di soldi. E siccome Bergoglio e i suoi continuano a ripetere (a parole) che vogliono una Chiesa povera mi sembra giusto accontentarli. Perché far loro il dispetto di inondarli di euro se vogliono diventare poveri?

Quando in Vaticano tornerà chi onora il “Dio cattolico” e chi difende il popolo cristiano e la sua fede, io ricomincerò a firmare l’8 per mille.

Oggi dominano le tenebre. Parafrasando Chesterton: non abbiamo bisogno di una Chiesa che sprofondi col mondo, ma di una Chiesa che salvi il mondo.

.

Antonio Socci

Da “Libero”, 9 aprile 2017

.

Facebook: “Antonio Socci pagina ufficiale”

Twitter: @AntonioSocci1

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...